L'orto per una famiglia

L'orto nelle foto è impiantato su una superficie di circa 120 mq (18x6,60 mt).

Le coltivazioni presenti sono, oltre che le erbe aromatiche (menta, maggiorana, origano, rosmarino, basilico, sedano, prezzemolo, timo, salvia), 6 filari di pomodori di cui uno per insalate (quattro piante di pomodori di Sorrento e quattro cuore di bue siciliano) e cinque per il sugo (due di datterini, due di sanmarzano e una di ciliegine), due filari di fagiolini mangiatutto, un filare di peperoni, uno di melanzane e uno di zucchine, un filare di fragole, due filari di patate, due filari di insalate (lattughe romane, incappucciata e rossa) un filare di zucche ed uno di fagioli borlotti.

I prodotti ricavati dall'orto sono eccedenti i bisogni di una famiglia di sette persone per cui se quest'orto dovesse soddisfare una famiglia di quattro persone si potrebbero ridurre le piante di zucca, di zucchini, melanzane, fagiolini e pomodori da sugo per far posto anche a spinaci estivi, peperoncini, bietole, qualche spiga di mais per i pop-corn, arachidi e altri ortaggi preferiti.


In inverno, invece, in un orto del genere si possono piantare per il consumo familiare cavoli, broccoli, fave, piselli, finocchi, barbabietole etc.
Con 120 mq di orto si può soddisfare tutta l'esigenza di ortaggi per una famiglia di quattro persone e, volendo si possono piantare anche quattro alberi da frutta (limone, arancio, pruno, albicocco etc). Per i soli ortaggi è più che sufficiente un orto di 80 mq con 15 file di ortaggi.

Per i fiori e le piante da appartamento occorre pochissimo spazio perché le colture floreali all'aperto si avviano in piccoli semenzai e le piante, fino al trapianto in vaso, crescono in contenitori di polistirolo che ne contengono centinaia.


Ecco, un piccolo spazio può produrre una quantità di prodotti difficilmente immaginabile, tutto cibo genuino del quale conosciamo la storia dal seme alla tavola.

Sappiamo come è irrigato, con quali concimi è nutrito e se è stato necessario l'uso di medicinali, in che quantità e per quali malattie delle piante.